Che cos’è

Da Costa a Costa è un progetto giornalistico multimediale sulla politica e la cultura degli Stati Uniti. Esiste dal 2015 ed è composto da una newsletter e un podcast. Entrambi sono gratuiti, ma esistono grazie alle donazioni volontarie di lettori e ascoltatori. La newsletter arriva ogni sabato, puoi iscriverti qui. Il podcast invece esce un sabato sì e un sabato no, e puoi ascoltarlo su questo sito o su tutte le principali piattaforme.

Da Costa a Costa è considerato uno dei casi editoriali più interessanti degli ultimi anni. È stato definito “un nuovo modello di giornalismo” (Rai Scuola), “la punta di diamante del podcasting italiano” (Esquire), “il più ascoltato nel nostro Paese” e “un caso da manuale che ha fatto da apripista” (Io Donna). Il modello di business ha pochi termini di paragone per le attività giornalistiche. Tutti i contenuti sono diffusi gratuitamente, ma i lettori e gli ascoltatori ne permettono la realizzazione attraverso piccole donazioni facoltative – più di 40.000 euro dall’inizio del progetto – che non danno diritto a ricevere niente, se non la soddisfazione di aver contribuito in modo indispensabile a un progetto che apprezzano e trovano utile. Grazie alle donazioni ricevute, Da Costa a Costa in questi anni ha raccontato sul campo cosa succede in Texas e in California, in Michigan e in Ohio, in Iowa e in Pennsylvania. E altre storie arriveranno per tutto il 2020.

Francesco Costa (1984) è giornalista e vicedirettore del giornale online Il Post, col quale lavora fin dalla fondazione nel 2010. Esperto di politica statunitense e più volte inviato sul campo, con Da Costa a Costa ha vinto nel 2016 il Premio internazionale Spotorno nuovo giornalismo e, nel 2018, il premio per il miglior podcast italiano alla Festa della Rete. Ha collaborato alla realizzazione dei documentari “La Casa Bianca” per Rai 3, e conduce periodicamente la rassegna stampa di Rai Radio 3, “Prima Pagina”. Ha insegnato giornalismo allo IULM di Milano; dal 2018 è responsabile del corso biennale di giornalismo alla Scuola Holden di Torino. Il 28 gennaio uscirà il suo primo libro, per Mondadori: Questa è l’America.